Certificati anagrafici, storici, autocertificazione, evasione posta, rilascio dati statistici

Servizio sviluppo economico e statistica Ufficio affari demografici

Aggiornato a Mercoledì, 20 Novembre 2019

I certificati anagrafici sono:

  • di residenza;
  • di stato di famiglia;
  • di cittadinanza;
  • di stato libero;
  • di stato vedovile;
  • di godimento dei diritti politici;
  • anagrafico di nascita;
  • anagrafico di matrimonio;
  • anagrafico di morte;
  • di esistenza in vita;
  • di iscrizione all'AIRE.

Dal 1° gennaio 2012 è in vigore la L. 12 novembre 2011 n. 183, (legge di stabilità) che prevede che i certificati rilasciati dalla pubblica amministrazione siano utilizzabili esclusivamente nei rapporti fra privati e debbano riportare, pena la loro nullità, la dicitura: "Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi".

La nuova norma rafforza il concetto che, nei rapporti con la pubblica amministrazione o con i privati gestori di pubblici servizi, la produzione di certificati venga sempre sostituita dalla presentazione di dichiarazioni sostitutive di certificazione e di dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà (art. 46 e 47 del DPR 445/2000). La mancata accettazione di tali dichiarazioni o la richiesta di certificati costituisce, per la pubblica amministrazione violazione dei doveri d'ufficio.

 Dal 1° gennaio 2012 non è più possibile, inoltre, utilizzare i certificati, oltre il termine di validità dichiarando in fondo al documento che "le informazioni contenute nel certificato non hanno subito variazioni dalla data di rilascio". Resta confermata, invece, la validità illimitata per i certificati non soggetti a modificazioni e per tutti gli altri certificati, la validità di sei mesi dalla data di rilascio, sempre che non esistano norme che ne prevedano una validità superiore.

La dichiarazione sostitutiva di certificazione è utilizzabile nei rapporti con qualsiasi pubblica amministrazione o gestore di pubblico servizio e/o con i privati che decidono di accettarla; non può essere utilizzata per presentare atti o documenti all'autorità giudiziaria. Non possono essere autocertificati i documenti sanitari, medici e veterinari, i certificati di origine e di conformità CE e i certificati di marchi e brevetti.
Se non viene consegnata personalmente all'ufficio che la richiede è necessario allegare alla dichiarazione sostitutiva di certificazione la fotocopia di un documento di riconoscimento non autenticato.

Chi può richiedere

Il certificato di residenza e di stato di famiglia possono essere rilasciati a chiunque ne faccia richiesta (art. 33, comma 1, DPR 223/1985). Gli altri certificati possono essere rilasciati solamente se non vi ostano particolari motivi (art. 33, comma 2, DPR 223/1985).

Per quanto riguarda le autocertificazioni, possono essere prodotte  dai cittadini italiani e dell'Unione Europea e i cittadini extracomunitari che risiedono regolarmente in Italia, limitatamente agli stati, alle qualità personali e a fatti certificabili o attestabili in Italia da soggetti pubblici.

Le pubbliche amministrazioni e i gestori di servizi pubblici sono tenuti ad accettare l'autocertificazione.
Gli enti privati, ad esempio banche ed assicurazioni, hanno la possibilità di accettare l'autocertificazione ma non sono obbligati a farlo.

Dove rivolgersi

Ufficio Anagrafe
Piazzetta Sichardt, 10 – 38068 Rovereto

email: anagrafe@comune.rovereto.tn.it
pec: anagrafe@pec.comune.rovereto.tn.it
fax 0464 452 125

Orario di apertura al pubblico:

lunedì: 08,30 – 12,00

martedì: 08,30 – 12,00

mercoledì: 08,30 – 18,00 orario continuato (mercoledì del cittadino)

giovedì: 08,30 – 12,00

venerdì: 08,30 – 12,30

Per informazioni telefonare
0464 452 100 – 101 – 103 – 291
Quanto costa

I certificati anagrafici sono rilasciati in bollo (euro 16,50) comprensivo dei diritti di segreteria (euro 0,50). Il pagamento avviene preferibilmente con bancomat / carta di credito.

Non è nella facoltà del richiedente decidere se l'atto vada in bollo oppure in carta libera e neppure discrezione degli uffici che richiedono o rilasciano atti. Il pagamento dell'imposta di bollo è la regola, mentre la "carta semplice" è l'eccezione, pena l'evasione del tributo di bollo.

NB: i certificati anagrafici richiesti esclusivamente tramite PEC e trasmessi in FORMA DIGITALE (esenti da imposta di bollo nei casi espressamente previsti dalla vigente normativa fiscale), vengono rilasciati senza l'applicazione dei diritti di segreteria, secondo quanto previsto dall'art. 169 del Codice degli Enti Locali della Regione Autonoma Trentino Alto Adige, approvato con L.R. 3 maggio 2018 n. 2.

Tempi di attesa
  • rilascio certificazione anagrafica - tempo reale
  • rilascio certificazione anagrafica storica - 60 gg dalla data di ricevimento della richiesta
  • controllo autocertificazioni e rilascio dati statistici - 30 gg dalla data di ricevimento della richiesta
  • rilascio certificazione con richiesta di invio al mittente - 10 gg dalla data di ricevimento della richiesta
  • risposta alle varie richieste pervenute per posta - 30 gg dalla data di ricevimento della richiesta
Come fare / Cosa fare

Cosa si può autocertificare

  • Informazioni demografiche:

- luogo e data di nascita
- residenza e Cittadinanza
- godimento dei diritti civili e politici
- stato civile (celibe/nubile, coniugato, vedovo, stato libero) e stato famiglia
- esistenza in vita
- nascita del figlio/a e morte del coniuge, del genitore, del figlio, ecc.
- tutti i dati contenuti nei registri di stato civile (ad esempio maternità, paternità, separazione o comunione dei beni)

  • Informazioni professionali e di studio:

- titolo di studio, di specializzazione, di aggiornamento, di abilitazione, di formazione, di qualificazione tecnica
- esami sostenuti

  • Informazioni economiche e fiscali:

- reddito e situazione economica
- assolvimento obblighi contributivi
- possesso e numero del codice fiscale
- possesso e numero di partita Iva e qualsiasi dato contenuto nell' anagrafe tributaria
- carico familiare

  • Informazioni giuridiche:

- legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche
- tutore e curatore
- on aver riportato condanne penali
- non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e non aver presentato domanda di concordato
- non essere destinatario di provvedimenti iscritti nel casellario giudiziale
- on essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali

  • Altre informazioni:

- iscrizioni in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni
- iscrizioni ad associazioni o formazioni sociali
- posizione agli effetti degli obblighi militari, comprese le situazioni del foglio matricolare
- appartenenza a ordini professionali
- stato di disoccupazione
- qualità di pensionato e categoria di pensione
- qualità di studente

Riferimenti normativi

D.P.R. n. 445 dd. 28/12/2000 "Testo unico sulla documentazione amministrativa"

L. 24/12/1954 n. 1228

DPR 30/5/1989 n. 223

TUEL Regione T-AA

LR 3/5/1989 n. 2 art. 169

Posizione GPS
Procedimento amministrativo
Numero procedimento
10.5

Informazioni correlate:

Aiutaci a migliorare il sito web