Bar ristoranti pizzerie

Servizio tecnico e del territorio Ufficio amministrativo e attività produttive

Aggiornato a Mercoledì, 17 Giugno 2015

Gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande aperti al pubblico sono distinti in:

  • esercizi per la somministrazione di pasti tradizionali (cioè rientranti nella ordinaria e normale ristorazione, compresi i pasti veloci);
  • esercizi per la somministrazione di pasti veloci (cioè i piatti freddi e i piatti riscaldati che riguardano però solo prodotti acquistati già pronti per la consumazione, preconfezionati e precotti);
  • esercizi per la somministrazione di pizze con appositi forni di cottura (ai quali è consentita anche la somministrazione di pasti veloci);
  • esercizi per la somministrazione di bevande alcoliche e analcoliche di qualsiasi gradazione (ai quali è anche permessa la somministrazione di latte, dolciumi, generi di pasticceria e gelateria, prodotti di gastronomia quali panini, sandwich, pizzette, tramezzini e simili);
  • esercizi per la somministrazione di bevande analcoliche (ai quali è anche permessa la somministrazione di latte, dolciumi, generi di pasticceria e gelateria, prodotti di gastronomia quali panini, sandwich, pizzette, tramezzini e simili, con esclusione di bevande alcoliche);
  • esercizi per la somministrazione al pubblico di pasti e/o bevande nei quali la somministrazione viene effettuata congiuntamente ad attività di spettacolo, trattenimento e svago aventi carattere prevalente; il termine ''congiuntamente'' sta ad indicare che la somministrazione non può essere esercitata indipendentemente da quella di trattenimento e svago, rispetto alla quale svolge una funzione strumentale; il termine ''prevalente'' va stabilito in relazione alle caratteristiche delle attività di somministrazione e di trattenimento e svago che si intendono esercitare, alla superficie dell'esercizio e alla strutturazione del locale.

La presentazione della segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) ha efficacia immediata all'atto della presentazione della modulistica completamente compilata.

Per i requisiti morali e professionali necessari all'esercizio dell'attività commerciale, si applica l'articolo 71 del Decreto Legislativo 26 marzo 2010, n. 59 (Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno).

Se il titolare della ditta individuale o il legale rappresentante della società non risulta essere in possesso dei requisiti professionali può essere nominato un preposto in possesso di tali requisiti. Si segnala comunque che i requisiti morali devono comunque essere posseduti sia dal titolare che dall'eventuale preposto.

Chi può richiedere

Chiunque intenda avviare, subentrare o modificare un'attività di somministrazione di alimenti e bevande aperta al pubblico (ristoranti, pizzerie e bar anche annessi ad attività prevalente di spettacolo, trattenimento e svago).

Dove rivolgersi

Ufficio attività produttive - via Cartiera, 13
fax 0464 452181
e-mail commercio@comune.rovereto.tn.it

PEC commercio@pec.comune.rovereto.tn.it

Orario apertura al pubblico

Lun, Mar, Gio: 8.30 - 12.00
Mer: 8.30 - 12.00; 14.30 - 18.00
Ven: 8.30 - 12.30

Per informazioni telefonare
0464 452142
Quanto costa

La presentazione della s.c.i.a. non comporta alcun costo per la presentazione al Comune.

Tempi di attesa

60 giorni dal ricevimento della SCIA (trattasi del tempo da utilizzare da parte degli Uffici comunali per il controllo delle autocertificazioni previste nella SCIA)

Riferimenti normativi
Informazioni sulla modulistica

N.B.: la presentazione della segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) dovrà avvenire attraverso lo sportello telematico: www.impresainungiorno.gov.it/sportelli-suap

Procedimento amministrativo
Numero procedimento
12.1.13.181

Informazioni correlate:

Aiutaci a migliorare il sito web