''Istruire i rifugiati alla cittadinanza è quanto fa una società civile"

Aggiornato a Martedì, 08 Ottobre 2019
Comunicato stampa di Giovedì, 03 Ottobre 2019

Immagine decorativa

“E’ importante lavorare sulla istruzione dei rifugiati per educare alla cittadinanza democratica ed è quanto deve fare una società civile che vuole promuovere la cittadinanza democratica”. Con queste parole Michael Remmert, Responsabile della divisione per le Politiche dell’Istruzione Direzione generale della Democrazia al Consiglio d'Europa, ha salutato oggi le delegazioni e i relatori che partecipano al 3° seminario pilota del progetto europeo "Accademia di leadership democratica per le persone provenienti da comunità di rifugiati" promosso da Consiglio d’Europa e dalla Città di Strasburgo.
I lavori sono stati aperti dal Sindaco di Rovereto Francesco Valduga che ha ricordato la vocazione naturale di Rovereto all’incontro e ai processi di accoglienza. “Il confronto sulle buone pratiche di accoglienza è importante occasione di crescita perché parlarsi è possibilità di comprendersi e comprendersi è capirsi, ovvero favorire processi di Pace e ampliare orizzonti che in questi tempi sono spesso asfittici. L'Europa è stata storicamente capace di aprirsi e includere e crescere proprio grazie a questa inclusione. Sono valori che non dobbiamo perdere. Abbiamo bisogno di più Europa in Europa e più Europa nel mondo”.
In questa due giorni si parla in particolare di educazione alla cittadinanza democratica, questione decisiva nella gestione dei rifugiati, nel dialogo interculturale e per la partecipazione democratica. La sessione di questo pomeriggio su istruzione, integrazione e cittadinanza democratica dei rifugiati è stata moderata da Antonella Cagnolati, ex direttrice del Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa. Molto interessante la relazione di Angeliki Aroni, che in Grecia è responsabile del Dipartimento per il coordinamento e il monitoraggio dell'educazione dei rifugiati del Ministero dell'Istruzione e degli Affari religiosi ed ha raccontato come sia necessario istruire non solo chi arriva, ma anche la comunità che riceve e riferito delle resistenze che anche in Grecia si manifestano nell'accesso alla istruzione dei richiedenti asilo.

La chiusura dei lavori domani con l'assessore Mauro Previdi che introduce la seconda sessione, Nawel Rafik-Elmrini Vicesindaco della Città di Strasburgo e la relazione  di Mario Raffaelli, Presidente di Amref Health Africa in Italia (AMREF: African Medical and REsearch Foundation) e Presidente del Centro per la Cooperazione Internazionale di Trento (CCI) già presente ai lavori di oggi nel corso dei quali Michael Remmert, ha riferito anche dei due precedenti seminari svoltisi nell'ottobre 2018 a Berlino e nel giugno 2019 a Strasburgo. Si tratta del progetto del Consiglio EU che mira alla costituzione dell'Accademia di leadership democratica per le persone provenienti da comunità di rifugiati un organismo di formazione che sia efficace per l'integrazione dei rifugiati nelle società europee. Rovereto è la terza città ad ospitare il seminario in vista della sua costituzione.

Ufficio Stampa

Rovereto, 3.10.2019

Aiutaci a migliorare il sito web