Ti trovi in:

Palazzo Alberti Poja

Il prestigioso palazzo del conte Francesco Alberti Poja e della baronessa Eleonora Piomarta fu costruito a partire dal 1778, sull'allora Corso Nuovo Grande (ora Angelo Bettini), ampia strada settecentesca che collegava l'antico borgo medievale a Trento. L'architetto Ambrogio Rosmini seguì i lavori di costruzione e già nel 1779 si diede avvio all'abbellimento interno con decorazioni a stucco e dipinte. Grazie al recente restauro sono state portate alla luce altre decorazioni eseguite tra la fine del Settecento e inizio dell'Ottocento. All'interno si conserva la cappella risalente al 1782.

Salendo la scala ornata da raffinati stucchi settecenteschi si accede al piano nobile che conserva diversi affreschi eseguiti da Marco Marcola (Verona, 1740-1793) con l'aiuto del fratello Francesco per le quadrature illusionistiche. Sul soffitto del salone centrale spicca il racconto del 'Giudizio di Paride'. Palazzo Alberti Poja ospita spazi espositivi permanenti dedicati a Carlo Fait, Fausto Melotti e Carlo Belli.

Aiutaci a migliorare il sito web