Ti trovi in:

Museo della Guerra

Immagine decorativa

Il Museo Storico Italiano della Guerra è ospitato nel Castello di Rovereto ed è uno dei principali musei italiani dedicati alla Prima guerra mondiale.

Vi si accede da Piazza Podestà dove spicca il mortaio austro-ungarico skoda da 30,5 cm, forse l'ultimo esemplare sopravvissuto al conflitto 1914 - 1918.

Nelle lunghe gallerie del rifugio antiareo ricavato nello sperone roccioso sul quale sorge il Castello, trovano posto decine di bombarde, mortai, obici, e cannoni di diverso calibro e nazionalità.
L'esposizione pone fianco a fianco bocche da fuoco, granate, spolette e bossoli della Prima Guerra Mondiale, con un ampio apparato di fotografie e di testi che aiutano a comprendere modalità di impiego, funzione ed effetti.

Storia

Il Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto è stato inaugurato il 12 ottobre 1921.

Sorto per ricordare la Grande Guerra in una delle città che avevano maggiormente subito gli effetti devastanti dei bombardamenti, ha raccolto numerosissimi cimeli, in parte direttamente dai campi di battaglia, in parte attraverso donazioni e depositi di privati e di governi.

Accanto alle armi leggere e pesanti e alle uniformi, espone e conserva oggetti, documenti ed opere grafiche (ricordiamo tra gli altri i disegni di trincea di Pietro Morando) che avvicinano il visitatore agli aspetti militari, culturali e sociali della guerra.

I plastici originali del fronte e le cartoline, i manifesti di propaganda e i giornali di trincea, le lettere e i diari dei soldati, le più di 40.000 fotografie del suo archivio, le 2500 medaglie e decorazioni, le epigrafi, aiutano a capire come le guerre del nostro secolo, in particolare il primo conflitto mondiale, abbiano segnato la coscienza dei singoli e la sensibilità collettiva.

Il Museo conserva un' importante collezione di armi di età moderna (1500 - 1700) e una notevole raccolta di materiali coloniali.

Il museo ha subito molteplici trasformazioni divenendo un centro di cultura nel campo della storia e della tecnica in relazione ai fenomeni bellici, promuovendo ricerche, attività didattiche e formative. Dotato di archivio storico, archivio fotografico e biblioteca, cura pubblicazioni e attività con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio storico e promuovere una cultura di pace.

Il museo è ospitato nel Castello di Rovereto, costruito nel corso del XIV secolo e successivamente modificato al tempo della dominazione veneziana. L’edificio – di proprietà del Comune di Rovereto – è attualmente oggetto di un complesso progetto di restauro.

PERCORSO DI VISITA

Il percorso di visita si articola su due livelli: da un lato gli eserciti e le guerre tra Ottocento e Grande Guerra, dall’altro il Castello e le armi di età moderna.

La guerra tra Ottocento e Prima guerra mondiale

Il percorso espositivo, recentemente rinnovato, è dedicato al modo di combattere e alle dotazioni dei soldati, ma anche alle straordinarie trasformazioni che tutto questo conobbe tra l’Ottocento e la Prima guerra mondiale. Nelle vetrine è esposta una ricca raccolta di oggetti e fotografie, materiali relativi alla guerra di trincea, volantini, manifesti e testimonianze dell’esperienza di combattenti e civili.

Il castello e le armi di età moderna

Il Castello ha aperto al pubblico alcuni spazi costruiti dai Veneziani tra la fine del Quattrocento e l’inizio del Cinquecento.

Il nuovo percorso conduce i visitatori alla scoperta di torrioni e cunicoli, del terrapieno e delle decine di cannoniere ricavate nelle mura. Nel torrione Marino è esposta la collezione di armi di età moderna (XVI-XVIII secolo): una vasta raccolta di armature, armi bianche e da fuoco, da duello e da caccia. Nel torrione Malipiero, armi e strumenti dalla preistoria al Medioevo.

La Sezione Artiglierie

Nel rifugio antiaereo scavato durante la Seconda guerra mondiale ai piedi del Castello, il Museo espone decine di pezzi di artiglieria italiani, austro-ungarici, tedeschi, inglesi della Prima guerra mondiale: bombarde, mortai, obici e cannoni. L'esposizione, una delle più ampie esposizioni tematiche oggi visitabili nel nostro Paese, comprende anche materiale di munizionamento ed è integrata da un ampio apparato di fotografie e di testi descrittivi. Un mortaio austro-ungarico Skoda da 30,5 cm è esposto nell’antistante piazza Podestà.

info:

www.museodellaguerra.it

Contatti

Contatti:

INFO

Museo Storico Italiano della Guerra

Via Castelbarco 7 - Rovereto TN

Tel. +39 0464 438100 Fax +39 0464 423410

info@museodellaguerra.it

www.museodellaguerra.it (apre il link in una nuova finestra)

Aiutaci a migliorare il sito web