Studenti dell’istituto Fontana impegnati sul Progetto Seta

Direzione generale Ufficio comunicazione

Aggiornato a Giovedì, 10 Maggio 2018
Comunicato stampa di Giovedì, 10 Maggio 2018

La realizzazione di un itinerario cittadino sui luoghi simbolo della seta, una app utile allo scopo e un museo virtuale che metta in luce la storia della seta e le varie fasi di lavorazione, dall’attività di geso-bachicoltura fino alla realizzazione dei tessuti. In questo museo la ricostruzione virtuale del filatoio di Colle Masotti (con rilievo e rendering e ricostruzione tridimensionale dell’albero motore). Sono alcune delle attività che vedranno presto impegnati gli studenti dell’Istituto tecnico economico e tecnologico Fontana di Rovereto coinvolti dal Comune nel progetto “Vie della Seta” presentato oggi nella sede dell’istituto dalla Dirigente Scolastica Elena Ruggeri e dalla vicesindaco di Rovereto Cristina Azzolini, nel suo ruolo di assessore all’istruzione.

L’attività è prevista da un apposito accordo, frutto di una elaborazione che parte - a sua volta - da un dato storico: Rovereto e la Vallagarina (in particolare i Comuni di Ala e Villa Lagarina) storicamente hanno conosciuto un importante sviluppo economico legato al tema della seta. L’attività serica influenzò notevolmente la vita della città in tutti i suoi settori: economico, sociale, urbanistico e architettonico.

Rovereto conobbe in quel periodo una notevole crescita e si trasformò in breve da piccola comunità a grande centro commerciale di dimensione europea. Per secoli gli scambi commerciali del territorio lagarino verso l'Italia e l'Europa hanno ruotato prevalentemente intorno a questo settore e la piccola e diffusa imprenditorialità ha creato le premesse per il successivo sviluppo industriale dell'intera Vallagarina.

Lo sviluppo urbano è stato fortemente condizionato da questo movimento economico, configurando la città nella sua caratteristica forma a ventaglio. Gli edifici dedicati all’attività serica, dei quali tutt'oggi esistono straordinarie testimonianze, si sono allineati lungo le rogge che dal centro cittadino si diramano fino all'Adige. Fra i siti di archeologia industriale spiccano il complesso di Colle-Masotti e l'ex filanda Bettini, che il Comune intende salvaguardare per farne un centro culturale dinamico di ricerca, formazione e sperimentazione a fini produttivi.

Già nel settembre 2017 è stato approvato il protocollo d’intesa finale le“Vie della Seta”, sottoscritto dai Comuni di Rovereto, Ala e Villa Lagarina, dalla Comunità della Vallagarina e la Provincia Autonoma di Trento per un progetto di recupero e rinascita incentrato sul tema della seta, volto alla creazione di un distretto per la valorizzazione del patrimonio storico, artistico, architettonico, ambientale ed economico della Vallagarina. Tra gli obiettivi del DUP (Documento Unico di Programmazione) si contempla il coinvolgimento diretto delle Scuole professionali e degli Istituti di istruzione superiore nelle iniziative del Comune, e in particolare l’Istituto tecnico economico Fontana per il progetto dedicato al tema della seta.

Il protocollo presentato oggi si situa in questo percorso: Comune e Istituto Fontana hanno attivato una collaborazione fattiva che è volta a:

  • promuovere le attività di ricerca, sperimentazione e formazione sul tema della seta e dei siti urbani ed extraurbani ad essa collegati;
  • valorizzare il tema della seta a Rovereto e in Vallagarina, con iniziative di studio e culturali che legano l’aspetto culturale con quello dello sviluppo urbanistico, turistico ed imprenditoriale;
  • coinvolgere in modo significativo gli studenti dell’Istituto tecnico economico Fontana, sui temi sopracitati, nel contesto delle iniziative e dei progetti di alternanza scuola-lavoro.

Lo schema di protocollo tra scuola e Comune è stato approvato dalla Giunta nel marzo scorso. E’ formato da n. 6 articoli, e codifica le finalità. Ovvero:

  • la realizzazione di un itinerario cittadino sui luoghi simbolo della seta, mediante l’uso di un’applicazione per smart-device;
  • un museo virtuale, che mette in luce la storia della seta e le varie fasi di lavorazione, dall’attività di gelso-bachicoltura fino alla realizzazione dei tessuti;
  • la ricostruzione virtuale del filatoio di Colle Masotti (rilievo e rendering, con ricostruzione tridimensionale dell’albero motore);
  • coinvolgere in modo significativo gli studenti dell’Istituto tecnico economico Fontana, sui temi sopracitati, nel contesto delle iniziative e dei progetti di alternanza scuola-lavoro.

Ufficio Stampa

10.5.2018

Aiutaci a migliorare il sito web