Presentato il Bilancio 2019-2021

Aggiornato a Giovedì, 06 Dicembre 2018
Comunicato stampa di Martedì, 04 Dicembre 2018

Immagine decorativa

Un bilancio solido nelle cifre, con un Comune a zero indebitamento che continua ad investire mentre tariffe e aliquote restano invariate e - semmai - si prevede una riduzione delle imposte.
Il Sindaco di Rovereto Francesco Valduga (affiancato dal direttore Generale Mauro Amadori e dal dirigente del Servizio patrimonio e Finanze), ha presentato la manovra finanziaria che pareggia a 115 milioni e 555 mila euro, con 22 milioni e 505.000 euro di investimenti.

Valduga ha parlato di consistenti investimenti per una città che prosegue la riqualificazione di importanti arterie interne (esempio: il completamento della riqualificazione viaria di via Benacense comporterà un investimento di 1 milione e 328.000 euro circa), una città "amichevole" in cui la mobilità è facilitata da nuovi percorsi ciclopedonali (ad esempio con il collegamento tra Lizzana e Marco e quello tra Borgo Sacco e San Giorgio, una città che farà manutenzioni nei parchi e ne avvierà di nuovi (tra le nuove opere, trova finanziamento il Parco Tobia).
Una città anche più sicura grazie al progetto speciale a cui si lavorerà con il nuovo comandante della Polizia Locale (che entra in servizio il primo gennaio), e che si gioverà delle nuove dotazioni in termini di risorse umane grazie al recente concorso. Il Sindaco ha anche sottolineato che "...il piano di investimenti è stato calibrato con un attento bilanciamento sui quartieri affinchè tutta la città cresca in modo armonico".

Molte le manutenzioni (specialmente nel campo della edilizia scolastica), ma questo Bilancio vede anche l'avvio del restauro di Palazzo Betta Grillo e nuove opere tra le quali la sottoplatea di teatro Zandonai. Sono solo alcune delle voci di un corpus di interventi che in parte porta a compimento opere già avviate dai precedenti bilanci e in parte ne avvia di nuove (tra queste anche il rifacimento della pista di atletica dello stadio Quercia).

Inoltre la costante razionalizzazione della spesa corrente consente di trasformare parte delle spese di funzionamento in nuovi investimenti sulla struttura comunale.
Il percorso del Bilancio proseguirà in aula (4.12 la prima seduta, le altre si terranno già prima di Natale), ma il dibattito è già di fatto partito con la recente discussione sul Dup che si è avuta nelle scorse settimane, sfociata in una nota di aggiornamento che ha raccolto i suggerimenti venuti anche dalle minoranze.

In allegato un documento riassuntivo sulle voci salienti del Bilancio.

Ufficio Stampa
4.12.2018

Aiutaci a migliorare il sito web