Dal 14 novembre la Stagione Teatrale del Teatro Zandonai

Direzione generale Ufficio comunicazione

Aggiornato a Domenica, 28 Ottobre 2018
Comunicato stampa di Giovedì, 18 Ottobre 2018

Immagine decorativa

Un cartellone dai molti colori, un mare molto mosso. Così l’Assessore alla Cultura del Comune di Rovereto definisce la Stagione teatrale di Teatro Zandonai 2018-2019 che da novembre 2018 ad aprile 2019 presenta vari generi: da una parte la commedia sociale, attenta alle trasformazioni del nostro tempo, dall'altra l'intreccio della parola con la musica e talvolta con la danza, tra valzer e commedia musicale, classica e jazz, canto popolare e flamenco.

L’ Assessorato alla Cultura ha posto particolare attenzione alla contemporaneità dei testi, alle
mutazioni nei comportamenti sociali, alle sensibilità delle generazioni e, soprattutto nella prima
fase, a focalizzare l’attenzione sulla fine delle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra.

Tra i nomi degli attori più noti Ornella Muti, Bergonzoni, Francesco Pannofino, Sergio Rubini,
Luigi Lo Cascio, Dorelli junior (Gianluca Guidi), Cesare Bocci, Tiziana Foschi. Torna
l’Orchestra Haydn con la scintillante Vienna danubiana di Johann Strauss per il concerto di
capodanno, ci sono talenti locali tra danza e teatro e contaminazioni tra pensiero e teatro
(Massimo Recalcati / Mario Perrotta e la letteratura che si fa teatro con un testo di Dostoevskij.
Quest’anno c’è anche il 'teatrostoria' che porta a Teatro Zandonai la ricostruzione della figura
politica di Sandro Pertini, un classico di Brancati ('La governante'). Una stagione che interseca la musica con Paolo Fresu che si fa personaggio per raccontare con lo Stabile di Bolzano Chet
Baker, David Riondino con un quartetto di sax rievoca Bernstein.

E poi il musical con un classico: “Aggiungi un posto a tavola” di Garinei e Giovannini che ha segnato il passaggio di consegna da Dorelli padre al figlio Gianluca Guidi e la fiaba persiana di Aladino. Tre produzioni sono radicate nel territorio lagarino, la coreografia Abbondanza Bertoni
sull'intensità dell'incontro, il Concerto andaluso di Riccardo Zandonai trasfigurato in flamenco
da Miguel Angel Espino, le voci delle Swingirls con i mondi possibili dopo il buio delle guerre, il
coro Pasubio insieme a video e Artedanza per il progetto inedito sulla Grande Guerra di Fanini e
Vettori.

“Una stagione, che sceglie di stimolare attraverso la creatività di artisti e ricercatori che interrogano il presente, tra leggerezza e scavo drammatico, piuttosto che assemblare celebrati pezzi di repertorio. Al pubblico il compito di metterci la voglia di partecipare, di incuriosirsi, di porsi domande, incontrando via via proposte espressive capaci di attrarre e provocare” ha commentato l’assessore alla Cultura del Comune di Rovereto Maurizio Tomazzoni.
La formula è quella ormai consolidata con la proposta di due abbonamenti: uno che ricomprende tutte le proposte con 10 spettacoli, ed uno ridotto che prevede le repliche oltre ad altri 4 spettacoli.

Sono programmati inoltre quattro spettacoli realizzati appositamente per gli studenti in orario
scolastico nella convinzione che garantire questa particolare ed interessante esperienza ai più
giovani, rappresenti un sicuro investimento per avere un pubblico di appassionati in futuro.
Riconfermato anche appuntamento con lo spettacolo per le famiglie programmato in doppia replica l’ultima domenica di carnevale.
Prevendita degli abbonamenti già in corso con promozioni e sconti speciali. Le tariffe non sono
state modificate e sono ferme dalla riapertura dello Zandonai nel 2014 con un'attenzione
particolare ai giovani che possono usufruire di uno sconto particolare fino a 32 anni e un sconto ancora maggiore per gli studenti delle superiori.
Si inizia il 14 novembre con Francesco Pannofino con “Bukurosh mio nipote”.

Tutte le info sono disponibili sul sito del teatro http://www.teatro-zandonai.it

Ufficio Stampa

Aiutaci a migliorare il sito web