Custodia Forestale Associata: approvato consuntivo

Aggiornato a Venerdì, 11 Maggio 2018
Comunicato stampa di Venerdì, 11 Maggio 2018

Immagine decorativa

La Giunta comunale ha approvato il conto consuntivo ed il relativo prospetto contabile di riparto costi, per le spese sostenute nel 2017 a titolo di gestione associata del servizio di custodia forestale dell'Alta Vallagarina. La gestione per l'anno 2017 è costata euro39.625,02 complessivi. A carico di Rovereto vi è la quota maggiore di 16.642,51 euro (i restanti 22.982,51 sono a carico degli altri enti associati).

La convenzione per lo svolgimento del servizio di custodia forestale in forma associata riunisce i comuni di Rovereto, Besenello, Calliano, Isera, Nomi, Nogaredo (anche per conto degli usi civici di Brancolino, Nogaredo, Noarna e Sasso), Pomarolo, Villalagarina, Volano e le Amministrazioni separate Usi civici di Castellano, Patone e Pedersano ed ha di fatto sostituito il Consorzio per la vigilanza boschiva dell'Alta Vallagarina, che si è definitivamente sciolto in quanto l’ente non è più operativo dal 31 dicembre 2015.

Il servizio è istituito dalla Legge provinciale 23 maggio 2007, e sue successive modificazioni, che disciplina le modalità di svolgimento del servizio di custodia forestale.

La finalità degli enti associati è quella di conseguire una maggiore semplificazione delle procedure amministrative con l'obiettivo di rafforzare principi di impiego il più razionale possibile dei custodi forestali nonché semplificare e cogestire funzioni comuni.

La sede dell'ufficio per la gestione associata è stabilita nel Comune di Rovereto, quale ente capofila e sempre al Comune di Rovereto vengono rimborsate da parte degli enti associati le spese sostenute per il funzionamento dell'ufficio. La convenzione stabilisce altresì che sia il Comune di Rovereto ad effettuare, con cadenza annuale, la preventivazione e rendicontazione delle spese sostenute, il riparto e il conguaglio delle stesse, informandone gli altri soggetti convenzionati.

Nell'allegato la tabella con la ripartizione delle spese tra i Comuni aderenti alla Gestione.

Ufficio Stampa
11.5.2018

Aiutaci a migliorare il sito web