Approvato progetto straordinario sostegno al lavoro

Aggiornato a Mercoledì, 11 Aprile 2018
Comunicato stampa di Mercoledì, 11 Aprile 2018

Immagine decorativa

E’ stato approvato ieri sera all’unanimità dal Consiglio Comunale il progetto straordinario per il sostegno all'occupazione. L’Amministrazione comunale di Rovereto ripropone quindi (per il triennio 2018-2020), con propri fondi comunali, la realizzazione del progetto avviato in forma sperimentale a fine 2015 grazie all’utilizzo per scopi sociali dei dividendi di Dolomiti Energia. Il piano era divenuto nei bilanci successivi “strutturale”. Con il voto di ieri sera si compie un ulteriore salto di qualità: il progetto è diventato triennale.

Sono stati impegnati da subito per l'anno 2018 euro 264.000,00 che trovano copertura nel Piano Esecutivo di Gestione 2018. Anche in questo caso l’azione è interamente finanziata da fondi comunali, mediante la destinazione di parte dei dividendi di Dolomiti Energia e altre risorse comunali. Il Sindaco Francesco Valduga ha sottolineato come il “Progetto straordinario per il sostegno all'Occupazione” rivesta significativa rilevanza in termini di contrasto a condizioni di vulnerabilità sociale, economica e lavorativa. La finalità – come noto - è realizzare interventi e servizi di pubblico interesse attraverso il coinvolgimento nell'attività lavorativa di persone in condizione di bisogno socio-lavorativo, seguite dal Servizio Politiche Sociali e da altre realtà del territorio, offrendo loro opportunità di autonomia temporanee.

Il consiglio ha nella fattispecie deliberato di affidare all'Azienda Multiservizi Rovereto (A.M.R.), l'attuazione del "Progetto straordinario 2018-2020" che consentirà di realizzare tali opportunità a favore di cittadini disoccupati e in difficoltà economica.

Si tratta di interventi integrativi e aggiuntivi a quelli in essere e previsti nel Documento degli interventi di politica del Lavoro" provinciale e si affiancano agli "Interventi per il sostegno all'occupabilità attraverso lavori socialmente utili" (Intervento 19) e ad altri progetti attivi nell'ambito.

L'azione principale si realizza con un contratto di servizio con Amr.

Le attività sono individuate dai Servizi Comunali tra le attività istituzionali di carattere straordinario, non programmate e non realizzabili con le risorse interne.

In questo senso l'intervento permette di realizzare interventi e servizi non previsti dall'attuale programmazione economico-finanziaria che vanno a migliorare il livello e la qualità dell'offerta pubblica complessiva (esempio: manodopera strade, verde e parchi pubblici, attività di manutenzione e pulizia; valorizzazione di beni culturali e artistici mediante custodia, salvaguardia, promozione e riordino; riordino archivi e collaborazione in attività di digitalizzazione, manutenzione di luoghi ed edifici pubblici ad uso scolastico; pulizia e manutenzione di edifici pubblici di rilevanza istituzionale; custodia e valorizzazione degli spazi gestiti dal Museo Civico, compresi Palazzo Alberti e Sperimentarea al Bosco della Città; lavori di allestimento, apertura al pubblico e custodia mostre).

Annualmente l’Amministrazione comunale stabilirà il numero di opportunità lavorative da impiegare, il monte ore settimanale per ogni singola squadra e la durata dei singoli interventi.

In accordo con il Centro per l'Impiego, i lavoratori saranno selezionati tra quelli iscritti alle liste dell'Intervento 19 dell'anno in corso, disoccupati ed esclusi da tale opportunità (on l'applicazione dei medesimi criteri previsti per l'Intervento 19). Una parte residuale dei beneficiari potrà essere composta da lavoratori in condizione di "svantaggio sociale", in analogia a quanto disposto dalla L 381/90, con segnalazione da parte del Servizio Sociale comunale.

Ufficio Stampa
11.4.2018

Aiutaci a migliorare il sito web