Approvato dalla Giunta Comunale il riparto dei contributi per la cultura

Aggiornato a Venerdì, 08 Marzo 2019
Comunicato stampa di Venerdì, 08 Marzo 2019

Immagine decorativa

Nella sua ultima seduta la giunta ha approvato la ripartizione degli stanziamenti per le attività culturali ordinarie e straordinarie relative all’anno 2019. Nel Documento Unico di Programmazione 2019-2021 (al punto 2.1.2.3 Associazionismo, Musei, Teatri, Scuola musicale, Biblioteca e Sport) si riporta testualmente: “Il Comune interviene supportando le varie iniziative, con sostegni finanziari dedicati sotto forma di contributo o attraverso la messa a disposizione di strutture od attrezzature anche a titolo agevolato o gratuito”.

I soggetti che hanno presentato istanza di contributo entro il termine fissato dal Regolamento (15 settembre 2018) sono stati 52 per 100 iniziative. Le domande sono state prese in esame ed istruite attraverso un'attenta valutazione comparativa che ha tenuto conto dell'interesse pubblico, degli ambiti di intervento proposti, della natura e misura dei contributi concessi dall'Ufficio cultura sport e politiche giovanili congiuntamente all’Assessore alla Cultura e presentate alla commissione cultura in due sedute (4 e 13 febbraio 2019).

Lo stanziamento previsto per i contributi sul piano annuale della cultura, e per i contributi straordinari di attività culturali, per l’anno 2019 è di complessivi Euro 190.000,00, dei quali Euro 20.000,00 sono destinati alle progettualità del Centro Didattico Musicateatrodanza, (tramite capitolo riservato) e Euro 6.500,00 sono da riservare alla Associazione Musica Cittadina Riccardo Zandonai, per la convenzione in essere.

Euro 166.200,00 andranno ai contributi rientranti nel piano cultura annuale (vedi tabella), e i rimanenti Euro 17.300,00 per contributi straordinari relativi a proposte culturali per la città.

La proposta di ammissione e ripartizione dei contributi, e delle agevolazioni in termini di risorse strutturali e strumentali tiene conto dei seguenti criteri previsti dal regolamento citato: puntualità e rigore nell’organizzazione degli obiettivi, metodologie, operatività, struttura dell’iniziativa, coinvolgimento del mondo giovanile, innovazione dei contenuti o del processo di costruzione del progetto.

Si valuta sempre anche il grado di coinvolgimento del cittadino-utente, del pubblico e degli spettatori anche per la ricaduta in termini di immagine e turistica sulla città, oltre che della capacità di fare rete con altri soggetti locali, capacità di reperimento di fonti di finanziamento.

Oltre ai criteri sopra descritti la proposta di assegnazione dei contributi è stata approvata dalla commissione cultura considerando inoltre:

  • la natura e il valore culturale delle iniziative proposte, i costi generali previsti per l’attività 2019, il disavanzo, la spesa ritenuta ammissibile relativamente alle iniziative ammesse a finanziamento;
  • le risorse disponibili stanziate per l’anno 2019 nel capitolo di competenza, (conseguentemente si è resa necessaria una ulteriore scelta di merito, rispetto ai criteri sopra citati fra le proposte comunque ritenute ammissibili, ma non finanziabili per esaurimento risorse);
  • la peculiarità di alcune iniziative che, collocate nel periodo estivo, e risultanti in particolar modo anche per la loro valenza aggregativa o animativa, possono essere integrate nella programmazione diretta comunale di Rovereto Estate, come peraltro di prassi succede, che valorizza tradizionalmente, le progettualità proposte dalle associazioni locali.

Alcune iniziative sono state dirottate nella programmazione estiva degli eventi della città, per le loro caratteristiche di intrattenimento estivo, per una valutazione all’interno del palinsesto che verrà a crearsi per Rovereto Estate, in base anche alla disponibilità finanziaria prevista per la complessiva programmazione estiva.

Le agevolazioni previste e contabilizzate sono da intendersi come linea di indirizzo, perché possono subire piccole modificazioni (di giorni, date) rispetto a quanto stimato nel momento di redazione del progetto, tali modifiche non comporteranno ulteriori provvedimenti ma verranno assunte d’ufficio se la loro consistenza non stravolge l’indirizzo iniziale. Sono contributo anche la concessione delle sale/teatri/attrezzature che è però sempre subordinata alla programmazione istituzionale.

Ufficio Stampa

8.3.2019

n.b.: In allegato i prospetti delle richieste di contributo con tabella esplicativa di quanto finanziato

Aiutaci a migliorare il sito web