Scadenza IMIS: il precompilato è scaricabile online

Aggiornato a Mercoledì, 16 Maggio 2018

Immagine decorativa

Stanno arrivando come ogni anno per posta ordinaria in questi giorni nelle case dei contribuenti che hanno proprietà immobiliari nel Comune di Rovereto, le comunicazioni con i dati per il pagamento dell'I.M.I.S. (Imposta Immobiliare Semplice), inclusi i moduli F24 per il pagamento.

Per facilitare ulteriormente i contribuenti, ora è possibile reperire tali documenti anche on-line in formato digitale dalla “Stanza del Cittadino” presente sul sito Internet comunale (http://stanzadelcittadino.it/comune-di-rovereto/) accessibile direttamente dalla homepage: il contribuente che non riceva, oppure perda la lettera inviata per posta, oppure semplicemente trovi più comoda la consultazione dallo smartphone o PC, con questo nuovo servizio può scaricare direttamente a casa propria tutta la documentazione.

La Stanza del Cittadino è un servizio attivato dal Comune per fornire on-line a richiesta certificati di stato civile in formato digitale; ed oggi si arricchisce anche di uno spazio dedicato all’IM.I.S. Il servizio è rivolto alle sole persone fisiche, e prevede l'accesso utilizzando SPID ( la soluzione per accedere a tutti i servizi online della pubblica amministrazione con un unica Identità Digitale ) oppure la Carta Provinciale dei Servizi abilitata per l’accesso ai servizi on-line.

Una volta collegato, ciascun contribuente può consultare e scaricare in modo riservato la lettera con miniguida e la scheda contribuente con il dettaglio della propria posizione I.M.I.S., nonché i modelli F24 precompilati - ACCONTO E SALDO - relativi rispettivamente alla prima rata da pagare entro il 18 giugno 2018 ed a saldo da pagare entro il 17 dicembre 2018.

Si precisa che il servizio fornisce la “fotocopia digitale” dei documenti predisposti dall'ufficio Tributi comunale ed inviati anche per posta a ciascun contribuente, e non è un accesso alla propria posizione tributaria IM.I.S. La situazione indicata nel precompilato è aggiornata alla data del 31 marzo 2018 sulla base dei dati comunicati al Comune dal contribuente stesso e per ciascun immobile sono riportati gli elementi di calcolo e l'imposta teoricamente dovuta; qualsiasi variazione intervenuta successivamente a tale data deve essere comunicata direttamente all’Ufficio Tributi del Comune per poter ottenere il nuovo calcolo corretto.

E’ infine necessario comunque che il contribuente verifichi sempre la correttezza delle posizioni evidenziate nel modello e che, nel caso riscontrasse delle inesattezze, provveda al ricalcolo di quanto dovuto ed alla segnalazione delle variazioni al Comune al fine di eseguire correttamente il versamento e di correggere la sua posizione nella banca dati del Comune.

Ufficio Tributi
11.5.2018

Aiutaci a migliorare il sito web