Parlamento dell'Acqua a Rovereto

Servizio tecnico e del territorio Ufficio mobilità

Aggiornato a Lunedì, 02 Ottobre 2017

Immagine decorativa

La Fondazione Opera Campana dei Caduti ed il Comune di Rovereto si preparano a vivere un nuovo importante evento. Da domenica primo ottobre si riunirà a Rovereto il Parlamento Europeo dei Giovani per l’Acqua (EYPW) che raduna un centinaio di giovani dai 17 ai 25 anni provenienti da tutta Europa per farli riflettere attraverso lezioni, dibattiti, workshops, visite in campo, ecc. - sul tema Acqua e Pace.

Il Parlamento Europeo dei Giovani per L’acqua (PEGA) è stato ideato nel 2003 da Solidarité Eau Europe. Ogni Parlamento si svolge periodicamente sempre in un paese diverso e la 14° edizione è organizzata con la Fondazione Opera Campana dei Caduti e del Comune di Rovereto. Lo scopo dei Parlamenti è quello di riunire dei giovani europei intorno ad un aspetto specifico della questione relativa all’acqua come ad esempio i rischi derivanti dall’utilizzo dell’acqua, la “governance” della risorsa, la gestione qualitativa, la gestione quantitativa o la protezione degli ambienti naturali.

Al di là della presa di coscienza da parte dei giovani del problema cruciale che la distribuzione irregolare della risorsa pone al pianeta, i Parlamenti intendono essere un momento di pratica democratica durante il quale i partecipanti devono argomentare, esprimersi in modo strutturato e libero, ascoltare e rispondere rispettando l’interlocutore e tenendo conto delle posizioni altrui. Il Parlamento è una scuola di democrazia, di tolleranza, di solidarietà e di riflessione. Riflessione sul problema dato e sulle vie possibili per contribuire a risolverlo. I lavori della settimana, gli esercizi pratici, le visite, gli incontri con esperti e attivisti nel campo dell’acqua e dell’impegno ambientale, conducono i ragazzi a elaborare proposte di azioni concrete e iniziative che possono riportare nel loro paese, nella loro comunità, nella loro scuola, nella loro associazione.

Il 14° Parlamento che si svolgerà a Rovereto avrà come tema Acqua e Pace. Si tratterà di prospettare come la risorsa acqua, spesso evocata come causa di conflitto, possa invece diventare strumento di dialogo, di corresponsabilità consapevole e di condivisione positiva. In un mondo nel quale le ragioni di conflitto - armato o no - sono numerose, è importante dare un ruolo rilevante alle azioni che facilitano il dialogo, la comprensione e l’accettazione dell’altro, la “buona volontà” al servizio del bene comune. Lasciando ai Governi e ad altre autorità istituzionali il lavoro di “facilitatore di pace” tramite la diplomazia a tutti i livelli, i giovani potranno assumere un ruolo rilevante in seno alla società civile, quello cioè di facilitare una “cultura di pace” di dialogo, di accettazione dell’altro, di tolleranza.

A Rovereto fino al 7 ottobre saranno presenti giovani provenienti dalla Turchia, Repubblica Ceca, Marocco, Malta, Lettonia, Kosovo, Italia, Grecia, Francia, Bulgaria, Belgio, Armenia, Russia, Spagna e Strasburgo. Si inizia nella serata di domenica primo ottobre con un momento di benvenuto e un incontro informativo generale con gli organizzatori. Quindi lunedì mattina le delegazioni si presenteranno reciprocamente mettendo in evidenza l'impegno a favore della Pace e dell’Acqua. Nel pomeriggio, a Trento, apertura ufficiale dei lavori presso il Palazzo della Regione con i discorsi di benvenuto di Bruno Dorigatti, Presidente del Consiglio Provinciale di Trento; Alberto Robol, Reggente della Fondazione Opera Campana dei Caduti; Pio Wennubst, Ambasciatore Capo del dipartimento della cooperazione globale della Svizzera; Antonella Cagnolati, Presidente di Solidarity Water Europe e di Claire Pace.

Altro momento solenne sarà mercoledì 4 ottobre quando i ragazzi saliranno al Colle di Miravalle in occasione della Celebrazione del 92° anniversario dei primi rintocchi di Maria Dolens. Questo 4 ottobre sarà un giorno speciale caratterizzato dalla presenza dei membri del Parlamento Europeo dei Giovani per l’Acqua. Dopo la cerimonia ufficiale, i ragazzi delle scuole di Rovereto, il pubblico e il Parlamento celebreranno insieme la Pace, l’Acqua e Maria Dolens e daranno un’interpretazione collettiva dell’Inno alla gioia.

Durante la settimana, tra le varie iniziative, i partecipanti verranno divisi in piccoli gruppi e incontreranno la popolazione per le strade di Rovereto e di Trento. Realizzeranno interviste e brevi video, visiteranno il Sentiero della Pace e incontreranno esperti di livello internazionale. La settimana si concluderà con la presentazione, discussione e adozione della dichiarazione collettiva da parte dei membri del 14° Parlamento Europeo dei Giovani sull’Acqua e con la consegna del testo alle autorità locali.

Segno dell’importanza di questa iniziativa è l’adesione degli sponsor del territorio Dolomiti Energia, ITAS Assicurazioni e Pama e degli sponsor internazioni Agence de l’Eau Artois – Picardie e il Dipartimento della Cooperazione Globale della Svizzera. I ragazzi, invitati da Dolomiti Energia, visiteranno la centrale idroelettrica di Santa Massenza e il Presidente Rudi Oss parteciperà ad una tavola rotonda.

testo a cura di:
Ufficio Stampa Fondazione Opera Campana dei Caduti

Aiutaci a migliorare il sito web